La nostra storia

La storia del nostro poligono risale alla fine dell’ottocento, quando a Domodossola, Omegna ed Intra nascono i primi impianti per il tiro a segno.

Il primo in assoluto fu quello di Domodossola, dove il 12 Febbraio 1884, si costituì una società di tiro che sorgerà su un’area di circa 14285 mq situata nella piana della città, nel rione Badulerio, a ridosso del cimitero comunale.

Gli impianti raccolgono ben presto un alto numero di appassionati e nel 1886, tiratori di Domodossola, Intra e Pallanza, partecipano a una tre giorni di gare a Novara.

L’impianto di Domodossola, dopo un periodo di decadenza, viene ristrutturato intorno agli anni venti. Nel 1927 alle gare di tiro a segno nazionali, gli ossolani arrivano tutti tra i primi cinquanta posti su circa 4000 prestazioni. Si ricordano tra tutti i tiratori: Mario Dell’Angelo, Gustavo Croppi, Ettore Canuto e Agostino Molini.

Tra il 1982 e il 1989 la sezione di tiro a segno di Domodossola, associazione centenaria e attualmente unica sezione affiliata alla U.I.T.S. (Unione Italiana Tiro a Segno) nella provincia del Verbano Cusio Ossola, torna sulla scena italiana grazie al pluricampione nazionale Giuseppe Tedeschi.

A partire dal 1995 si riscontra una continua crescita tecnica ed agonistica che porterà nel 2000 la squadra di carabina a vincere il titolo regionale.

Da allora fino ai nostri giorni i tiratori della sezione domese, non hanno mai perso  “un colpo” per mettersi in luce, conquistando vittorie ed ottimi piazzamenti sia a livello regionale che a livello nazionale ed internazionale.